Industria dei pneumatici e crescita economica: nuova partnership tra hankook e Microsoft

In uno dei suoi studi, il Dipartimento dei Trasporti del Regno Unito ha scoperto che il 30% degli incidenti automobilistici nel Regno Unito nel 2018 è stato causato da difetti tecnici dei pneumatici. Per questo motivo, pneumatici hankook ha deciso di collaborare con Microsoft per sviluppare un sistema in grado di monitorare i potenziali difetti dei pneumatici in tempo reale.

Come funziona il sistema di monitoraggio dei pneumatici di Bridgestone?

La piattaforma Connected Vehicle di Microsoft è uno scenario completamente digitale in cui una varietà di soluzioni può essere sviluppata per lo scopo specifico del cliente. Questo sistema include infotainment a bordo del veicolo, sistema di navigazione avanzato, telematica e servizi predittivi, tra gli altri.

Per capire l’importanza di questo sistema, bisogna prima conoscere i guasti più comuni dei pneumatici: pressione d’aria insufficiente, affaticamento, usura irregolare dei pneumatici e, ultimo ma forse più spesso, danni causati dall’urto con cordoli, buche o altri oggetti sulla strada.

Fortunatamente, la stragrande maggioranza di questi problemi può essere riparata in modo affidabile grazie a questa piattaforma. Questo si ottiene attraverso una manutenzione frequente e cambi regolari di pneumatici al momento giusto. In questo modo, gli utenti hanno accesso a pneumatici Bridgestone economici e all’avanguardia.

Tuttavia, i problemi tecnici dei pneumatici sono danni che non possono essere rilevati senza un’accurata ispezione manuale. Mentre si può pensare che questo sia un evento raro, la verità è che accade troppo spesso.  Un pneumatico con un problema tecnico è estremamente pericoloso perché potrebbe scoppiare quando meno te lo aspetti, causando un incidente e danneggiando altre parti del veicolo, come la carrozzeria.

È qui che il sistema di monitoraggio in tempo reale di Bridgestone, sviluppato in collaborazione con Microsoft, entra in gioco per rilevare eventuali problemi tecnici del pneumatico. L’infrastruttura cloud di Microsoft viene utilizzata per questa funzione, insieme ai dati raccolti da più sensori attraverso l’hardware precedentemente installato. Gli algoritmi sono poi utilizzati per rilevare gli incidenti che colpiscono direttamente la superficie e la carcassa del pneumatico.

Poiché si tratta di una funzione in tempo reale, il conducente può essere immediatamente informato di qualsiasi problema rilevato sui pneumatici in modo da poter intervenire immediatamente per risolvere il problema. Attualmente non c’è nessun altro sistema sul mercato che offre un monitoraggio simile, quindi questa partnership è un cambio di gioco per l’industria.

Il nuovo sistema di monitoraggio dei danni strutturali di Bridgestone è disponibile da oggi per tutte le flotte e i produttori di veicoli che utilizzano Microsoft. Anche se non è ancora una soluzione che può essere applicata a tutti i veicoli di produzione, è un importante passo avanti per la sicurezza automobilistica.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

RELATED POST

Successive Immagini BMW M2: foto spia della serie 2 più hot

La nuova BMW serie 2 è stata rivelata solo poche settimane fa e ora abbiamo nuove immagini della sua variante…

Skoda Octavia vRS Bonneville recensione: record di velocità su terra guidato da un’auto

Il 19 agosto 2021 segna 10 anni da quando Skoda ha battuto un record di velocità su terra. La sua…

Crossover Genesis GV60: svelata la nuova EV diretta in Europa

Queste le prime immagini della GV60: il prossimo modello Genesis diretto in Europa. È uno dei primi veicoli elettrici del…